RAIN

 RAIN: Robotic Academy Intuitive Naples

Direttore: Guido De Sena MD, FACS

Training Specialist: Ing. Maria Saffiotti

 

immagine2

Dal 2015, grazie ai finanziamenti europei, l’ospedale Cardarelli dispone del Sistema Chirurgico Da Vinci della Intuitive Surgical, diventando insieme all’Azienda Ospedaliera dei Colli, Istituto,
Nazionale dei Tumori IRCCS e l’Azienda Ospedaliera Federico II parte del network della chirurgia robotica in Campania.

+leggi

Queste quattro realtà si sono unite per formare il GRIO, Gruppo Robotico Inter Ospedaliero. Tra le diverse finalità, il GRIO mette in rete le esperienze di chirurgia robotica dei quattro ospedali e promuove un percorso di formazione a tutti i livelli, utilizzando l’esperienza clinica comune e le risorse del Centro di Biotecnologie del Cardarelli.

-chiudi

immagine1

La Robotic Academy Intuitive Naples è uno dei venti centri di formazione ufficiali Intuitive nel mondo. Ad oggi in Italia sono presenti 96 sistemi da Vinci ed il Centro del Cardarelli permette di formare la nuova generazione di chirurghi che opereranno con l’ausilio del robot.
Il primo training TR100 si è tenuto l’8 maggio 2017.

+leggi

Alla fine del 2017 il numero di training mediante l’utilizzo del modello animale è arrivato a quota 24, numero che nel corso del primo semestre del 2018 è più che raddoppiato, arrivando a 60. I training hanno coinvolto la partecipazione di chirurghi provenienti sia dal territorio nazionale che internazionale come Israele, Cipro, Grecia, Gran Bretagna, Spagna, Slovenia, Romania. Le specialità chirurgiche interessate sono: urologia, chirurgia generale, ginecologia e chirurgia toracica.

Collocato in un punto strategico della città, la zona ospedaliera, RAIN mette a disposizione le proprie facilities degli Ospedali che fanno parte del GRIO (Gruppo Robotico Inter-Ospedaliero) che al pari del Cardarelli dispongono di un sistema chirurgico robotico che in tal modo possono migliorare ed accrescere le proprie competenze per poi trasferire il know-how acquisito all’interno delle strutture di provenienza.

-chiudi

logo-rain

Agli inizi di aprile 2017, il Centro di Formazione e Ricerca Biotecnologica dell’Ospedale A. Cardarelli è stato identificato come sede ufficiale del centro di formazione di chirurgia robotica, denominato Robotic Academy Intuitive Naples (RAIN).La nascita dell’Accademia robotica, diretta dal chirurgo Guido De Sena, è il risultato dell’accordo di collaborazione

+leggi

siglato tra il Cardarelli, Intuitive Surgical, produttore mondiale del Sistema Robotico da Vinci, ed AB Medica, distributore italiano del sistema.
La sinergia tra le parti ha permesso la nascita dell’Academy, il cui principale obiettivo è quello di formare chirurghi provenienti da istituzioni pubbliche e private, nazionali ed internazionali, all’uso del robot chirurgico da Vinci.

Come ultima evoluzione della chirurgia mininvasiva, la chirurgia robotica permette all’utente di manovrare il robot da una console. Il sistema computerizzato traduce il movimento delle mani in impulsi che vengono convogliati alle braccia robotiche sotto il controllo del chirurgo.
Nello specifico le attività di formazione ad esso legate si sviluppano lungo un percorso crescente, offrendo programmi di training completi a partire da un livello base, attraverso l’utilizzo del simulatore e del pelvic trainer, passando al training sul modello animale fino all’esperienza su preparati anatomici ed all’osservazione di casi clinici.

-chiudi

grio

Il daVinci è la piattaforma più evoluta per la chirurgia mininvasiva presente ad oggi sul mercato. Il robot da Vinci Xi, in particolare, introdotto in Italia nel 2014, si propone come lo strumento ideale per la chirurgia ad alta complessità in campi chirurgici multi-quadrante, permettendo una maggiore libertà di movimento del sistema.

+leggi

Queste caratteristiche lo rendono adatto per gli interventi in ambito urologico, ginecologico e di chirurgia generale complessa, utilizzando al meglio gli accessi anatomici e garantendo una visione 3D-HD. È costituito da tre componenti principali: la console chirurgica, il carrello paziente e il carrello visione. Tramite la console, posizionata al di fuori del campo sterile, il chirurgo controlla l’endoscopio 3D e gli strumenti per mezzo di due manipolatori e di pedali. Nel visore stereo, le punte degli strumenti si allineano con le mani del chirurgo che impugnano i manipolatori. Ciò è finalizzato a simulare il naturale allineamento di occhi, mani e strumenti tipico della chirurgia a cielo aperto, pur utilizzando una procedura minimamente invasiva. Il dimensionamento in scala dei movimenti e l’annullamento del fisiologico tremore delle mani forniscono un ulteriore vantaggio per il chirurgo e quindi per il paziente.

-chiudi

immagine2

Molteplici sono i vantaggi evidenziati sia per il chirurgo che per il paziente.
Il primo infatti, attraverso l’utilizzo del braccio robotico, garantisce l’accuratezza ed una maggiore fermezza del movimento chirurgico. Il sistema da Vinci permette un’eccellente e più dettagliata visualizzazione dei particolari anatomici e facilita l’accesso ad anatomie complesse; il chirurgo è seduto alla console ed è quindi nella migliore posizione ergonomica.

+leggi

A livello oncologico, la chirurgia robot-assistita consente di asportare la massa tumorale, garantendo un’accurata precisione nella procedura demolitiva-ricostruttiva e risparmiando con maggiore sicurezza le strutture nobili, ad esempio i nervi.
Il paziente ha ulteriori garanzie che l’intervento venga eseguito con assoluta precisione, con un gesto più accurato, quindi minore necessità di trasfusioni, e conservando le funzioni più importanti; a questi si associano i vantaggi comuni a qualsiasi tipo di chirurgia mininvasiva ovvero piccole incisioni e riduzione dei tempi di ospedalizzazione e minor dolore post-operatorio, fattori questi che consentono una ripresa più rapida del paziente.

-chiudi

immagine1

L’Accademia robotica è oggetto di interesse per tutti coloro desiderosi di scoprirne le potenzialità e le tecniche innovative applicabili in campo medico-chirurgico. A tal scopo sono stati organizzati diversi corsi che, in ambito nazionale, hanno offerto la possibilità di testare direttamente il robot e le sue applicazioni. Fra questi, il corso organizzato in collaborazione con l’IPE (lstituto per ricerche ed attività educative), dal titolo “Nodi e suture

+leggi

in chirurgia, videolaparoscopia, microchirurgia e chirurgia robotica”, che si è tenuto l’8 settembre 2017. Nello stesso mese l’UOSD di Formazione e Ricerca Biotecnologica ha anche ospitato uno degli eventi previsti dal programma dell’European Biotech Week, dal titolo “Il Robot: una nuova tecnologia al servizio del chirurgo”, indirizzato soprattutto a studenti liceali ed universitari interessati a quest’ambito scientifico.
L’Università Federico II di Napoli ha organizzato presso il Centro un Master di I livello in Strumentazione Chirurgica Mininvasiva e Robotica, denominato “L’infermiere Strumentista: Ruolo e Competenze in Chirurgia Mininvasiva e Robotica”, con l’obiettivo di discutere, in particolare, in merito all’implementazione delle nuove tecnologie e le specifiche responsabilità infermieristiche.
Il 5 luglio 2017, l’UOSD Formazione e Ricerca Biotecnologica è stata sede della parte pratica del corso dal titolo “Minimally Invasive Surgery”, della Società Italiana di Chirurgia (SIC) diretta dal Prof. Guido De Sena.
Inoltre, con la collaborazione di Città Della Scienza, RAIN ha partecipato alla “China-Italy Science, Technology and Innovation Week” che si è svolta in Cina dal 13 al 19 novembre 2017, durante la quale il Dott. Cozzolino, direttore del Centro di Biotecnologie e il Prof. De Sena, hanno presentato ai partner cinesi le potenzialità e le innovazioni nel campo della chirurgia robotica.
RAIN è stata insignita del premio Innovazione SMAU 2017, che l’ha identificata come centro in Italia per formare una nuova generazione di chirurghi provenienti da tutto il mondo.

Collocato in un punto strategico della città, la zona ospedaliera, RAIN mette a disposizione le proprie facilities degli Ospedali che fanno parte del GRIO (Gruppo Robotico Inter-Ospedaliero) che al pari del Cardarelli dispongono di un sistema chirurgico robotico che in tal modo possono migliorare ed accrescere le proprie competenze per poi trasferire il know-how acquisito all’interno delle strutture di provenienza.

-chiudi

Multimedia
Foto & Video
Entra

RICHIEDI INFO

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

captcha

Codice di sicurezza

Show Buttons
Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Share On Linkdin
Hide Buttons